Namecheap Review – Aggiornato 2020

Recensione Namecheap

Namecheap è un registrar diventato host che offre hosting a basso costo e completo. Anche se non è perfetto, con questi prezzi avrai poco di cui lamentarti. Scopri se funziona per te leggendo la nostra recensione completa su Namecheap.


Namecheap è stato nel settore della registrazione del dominio per quasi due decenni e, proprio come i suoi contemporanei, ha ampliato la sua gamma per includere l’hosting web durante quel periodo. A differenza, diciamo, GoDaddy, tuttavia, Namecheap è in corsa per la nostra migliore guida di web hosting, con una solida gamma di funzionalità e basso prezzo, per l’avvio.

In questa recensione di Namecheap, esamineremo il registrar di domini trasformato in funzionalità, prezzi, velocità, sicurezza e altro dell’host web. Parleremo anche della nostra esperienza usando il pannello di controllo e contattando l’assistenza prima di dare il nostro verdetto

Namecheap è impressionante, nonostante il suo prezzo modesto. Il prezzo è eccellente, così come la sicurezza, ma dovrai registrarti con una dashboard disgiunta e alcune funzionalità mancanti se ti registri.

namecheap-slider1

namecheap-slider2

namecheap-slider3

namecheap-slider4

namecheap-slider5

Precedente

Il prossimo

Punti di forza & Punti di debolezza

Alternative a Namecheap

Caratteristiche

Namecheap ha un solido elenco di funzionalità per tutti i piani, rendendo ancora più impressionante il prezzo già basso. Detto questo, salta in un paio di aree, il che aiuta a spiegare il prezzo basso. Namecheap ha molte funzionalità per il tuo piano di hosting, ma devi essere disposto a fare acquisti à la carte per alcuni elementi essenziali se desideri un pacchetto completo.

In particolare, ci sono restrizioni sulla registrazione del dominio gratuita. La registrazione gratuita del dominio .com è diventata la norma per la maggior parte degli host web – leggi la nostra recensione su HostGator solo per un esempio – quindi è strano vedere Namecheap limitare il tuo dominio gratuito a un indirizzo web. Il costo per un dominio .com non è costoso, ma sarebbe bello se fosse incluso.

Detto questo, è difficile battere Namecheap dato quanto è economico l’hosting, soprattutto quando sono incluse molte funzionalità critiche. Tra l’elenco c’è un costruttore di siti Web che offre plug-in per opzioni di pagamento, integrazione con i social media e altro, oltre a temi a risposta multipla.

namecheap-review-sito-builder

Non è una corrispondenza per il nostro miglior costruttore di siti Web, Wix, ma come puoi leggere la nostra recensione Wix, pochi sono i costruttori di siti Web. Tuttavia, include gli elementi essenziali, tra cui un’interfaccia drag-and-drop e supporto e-commerce. Se non ti piace, Namecheap ti consente anche di utilizzare Weebly o in modo sorprendente attraverso l’app store (leggi la nostra recensione su Weebly e la recensione in modo sorprendente).

Indipendentemente da come costruisci il tuo sito Web, puoi connettere il tuo dominio a Google Apps tramite cPanel. Ciò include il calendario di Google, la suite per ufficio e Gmail per il tuo dominio. Dovrai configurare tutto con Google, ma l’opzione è mostrata in cPanel.

Le altre funzionalità sono incentrate sulla sicurezza, tra cui 50 certificati PositiveSSL gratuiti, backup giornalieri e privacy dei record WHOIS. Entreremo in quelli nelle sezioni “sicurezza” e “privacy” di seguito.

Ci piace la lineup in generale, ma la mancanza di punture di registrazione del dominio .com gratuite. Dato quanto è economico Namecheap e quante funzioni offre, capiamo perché ti viene chiesto di registrare il tuo dominio separatamente, ma sarebbe bello vedere a prescindere.

Panoramica delle funzionalità di Namecheap

Logo Namecheapwww.namecheap.com

A partire da $ 288 al mese Tutti i piani

Tipi di server

Hosting condiviso

Hosting VPS

WordPress gestito

Cloud Hosting

Hosting dedicato

Hosting rivenditori

Usablity

Accesso FTP

Accesso SSH

cPanel

Accesso alla radice

Backup giornalieri

Costruttore di siti Web

Servizi

SEO

Marketing

Progettazione di siti Web

Sicurezza

Privacy del dominio

Crittografia SSL

Rimozione malware

Firewall per applicazioni Web

Autenticazione a due fattori

Protezione DDoS
Pagato

sFTP

Supporto

Supporto via email

Assistenza telefonica

Supporto chat dal vivo

Esercitazioni

Forum degli utenti

Base di conoscenza

Assistenza 24/7

Prezzi

Namecheap fa qualcosa di raro nel mondo dell’hosting web: mostra il prezzo effettivo che pagherai. Come WebHostingBuzz (leggi la nostra recensione su WebHostingBuzz), Namecheap non si scontra con gli shenanigans dei prezzi che vediamo da altri fornitori di web hosting. Puoi controllare il prezzo per la durata che desideri dalla pagina del prodotto, facendo in modo che non ci siano sorprese.

È anche economico. Namecheap, come suggerisce il nome, presenta i prezzi del cestino, battendo il nostro ex host web più economico, 1&1 IONOS (leggi il nostro 1&1 recensione IONOS). Se il web hosting economico è ciò che cerchi, Namecheap può offrire, con alcuni piani condivisi che costano meno all’anno rispetto ai costi di Arvixe al mese (leggi la nostra recensione di Arvixe).

Lo schema dei prezzi è facile da capire. Puoi acquistare l’hosting per un mese o un anno, con quest’ultimo che offre uno sconto del 6-7 percento. Namecheap non ha nemmeno prezzi promozionali al di fuori di un ribasso del 50% sul piano annuale. Se è quello che stai cercando, leggi la nostra recensione di Hostinger.

Questo schema di prezzi è vero per i piani condivisi e WordPress. VPS e utenti dedicati hanno anche la possibilità di pagare trimestralmente, ei rivenditori possono pagare per un minimo di un mese e fino a due anni.  

Namecheap offre anche server dedicati allo sdoganamento. Sono server con hardware obsoleto che sono stati rimossi dalla rotazione. Sebbene non sia una configurazione ideale, sono un buon modo per risparmiare denaro se hai bisogno di un server dedicato. Al momento in cui scrivo, Namecheap ha server economici fino a $ 34,88 al mese, ma questo cambierà come fa l’inventario.

Indipendentemente dal piano che segui, tuttavia, è supportato per un mese, a meno che non sia un piano VPS, che ti dà due settimane. Namecheap offre 30 giorni per ricevere un rimborso, che, sebbene non generoso come la finestra di 97 giorni di DreamHost, è standard per la maggior parte dei provider di hosting web (leggi la nostra recensione di DreamHost).

Facilità d’uso

Iscriversi a Namecheap è semplice come scegliere il tuo piano, creare un account e premere “checkout”. È simile a GoDaddy in quanto sul sito Web c’è molto, il che rende difficile definire il servizio di cui hai bisogno (leggi la nostra recensione su GoDaddy). Detto questo, è chiaro che Namecheap ha cercato di semplificare il processo, quindi anche se è più fastidioso di alcuni, non è un backbreaking.

Eventuali problemi nella scelta di un piano vengono rapidamente compensati dalla procedura di pagamento. Namecheap ti chiede di creare prima un account, il che significa che puoi passare dal checkout al pannello di controllo senza trovare le credenziali del tuo account in un’e-mail. Inoltre, la pagina di checkout finale non è impantanata con componenti aggiuntivi per il tuo account e ha anche un interruttore a levetta per disattivare il rinnovo automatico.

namecheap-review-checkout

Detto questo, il processo di checkout sembra piuttosto lungo perché Namecheap segmenta ogni passaggio nella propria pagina. Creerai un account su una pagina, confermerai il tuo ordine su un’altra, inserirai il tuo indirizzo di fatturazione su un’altra e, infine, riempirai i tuoi dati di pagamento. Questo non è un grosso problema con Namecheap, ma il processo potrebbe essere condensato in una o due pagine.

Dopo tutto ciò, verrai inviato a una pagina di riepilogo dell’ordine in cui puoi accedere alla dashboard dell’account facendo clic su “gestisci” accanto al tuo account di hosting. Il pannello di controllo è chiaramente impostato per il dominio dell’azienda, poiché tutte le schede indicano essenzialmente l’acquisto di hosting per il dominio che hai.

namecheap-review-conto-cruscotto

Ci è voluto del tempo per trovare cPanel. Devi aprire la dashboard, fare clic sulla freccia giù accanto al tuo hosting, premere un’altra freccia giù accanto al pacchetto acquistato e, infine, fare clic su “vai a cPanel”.

cPanel è lo stesso che è per la maggior parte del nostro miglior web hosting con scelte cPanel, al di fuori di una sezione in alto con app esclusive Namecheap. Non sono “esclusivi” come suggerisce Namecheap, ma è un bel modo di organizzare i collegamenti alla knowledge base, al costruttore di siti Web e al centro di Google Apps in un unico punto.

namecheap-review-cPanel

Namecheap non è difficile da usare, ma non ha lo stesso focus di, diciamo, Kinsta (leggi la nostra recensione di Kinsta). La dashboard è progettata per la gestione del dominio, non per l’hosting web, il che può creare confusione quando si tenta di gestire il proprio sito Web.

Tipi di hosting

Nonostante sia un registrar di domini trasformato in host web, Namecheap ha molto da fare per quanto riguarda i tipi di hosting. A differenza di iPage (leggi la nostra recensione su iPage), non è limitato all’hosting condiviso, che offre la flessibilità di un host più grande senza il prezzo.

Comincia con l’hosting condiviso, tuttavia, così come la maggior parte degli host web al di fuori di, diciamo, Pagely (leggi la nostra recensione di Pagely). L’hosting condiviso memorizza più siti Web sullo stesso server e rende tali siti Web condivisi le risorse. Namecheap esemplifica quanto possa essere economico l’hosting condiviso, ma ciò si presenta anche con il problema occasionale di velocità o uptime.

Accanto ai piani condivisi ci sono i piani WordPress gestiti. Sulla base del prezzo, simile all’hosting condiviso, abbiamo ipotizzato che si trattasse solo di una copia della linea di hosting condiviso con aggiornamenti automatici di WordPress. Non lo è, però. Piuttosto, i piani WordPress gestiti utilizzano l’hosting cloud e, come puoi leggere nella nostra recensione MDDHosting, è fantastico per WordPress.

Il cloud hosting è il filo conduttore che unisce il nostro miglior web hosting con le scelte di WordPress. Sebbene il tuo sito Web si trovi ancora su un singolo server, può fare affidamento su una rete di server sottostanti per risorse aggiuntive. In breve, ciò significa che, indipendentemente dal fatto che il tuo sito web stia attraversando un picco di traffico, un attacco di negazione del servizio distribuito o qualsiasi altra cosa, le risorse saranno disponibili.

Tuttavia, non è solo il cloud hosting di WordPress. La parte “gestita” dell’equazione si riferisce a Namecheap che mantiene la tua versione di WordPress. Anche se dovrai comunque progettare il tuo sito Web e riempirlo di contenuti, Namecheap si preoccuperà dei backup e degli aggiornamenti di WordPress per te gratuitamente.

Se stai cercando più potenza per non molto di più, i piani VPS faranno al caso tuo. I server privati ​​virtuali sono server virtuali ospitati su server fisici. Le risorse di elaborazione del server sono isolate e suddivise tra i server virtuali, il che fornisce un’esperienza simile all’hosting dedicato senza costi aggiuntivi.

I piani VPS di Namecheap sono economici e se hai letto la nostra recensione sull’hosting A2, sai che significa che non sono gestiti. Sarai in grado di chiedere assistenza al cliente, ma il ripristino del server, le modifiche del software di base e l’indagine di errore ti faranno pagare un costo aggiuntivo al mese.

Il top di gamma mette in mostra server dedicati, che, come suggerisce il nome, ti danno un server tutto per te. Come i piani VPS, i server dedicati non sono gestiti, il che significa che dovrai gestire errori e aggiornamenti. Se il prezzo è troppo alto, puoi fare una ricerca nell’elenco dei server dedicati alla liquidazione di Namecheap.

Velocità & uptime

Testiamo la velocità del sito Web utilizzando Pingdom Speed ​​Test e Load Impact. Il nostro processo è semplice: registriamo un account con il piano più economico disponibile, installiamo una copia vuota di WordPress e iniziamo i test. Sebbene non sia una scienza perfetta per i tempi di caricamento del sito Web, proviamo a ottenere un’indicazione della velocità il più chiara possibile eseguendo i nostri test in questo modo.  

Namecheap ha funzionato bene, ma non abbastanza per guadagnare un posto nella nostra guida di web hosting più veloce. Pingdom Speed ​​Test ha dato un 90 su 100, probabilmente grazie ai server Apache che Namecheap utilizza. Abbiamo visto host come A2 Hosting e MDDHosting che utilizzano server LiteSpeed, che sono un’alternativa Apache, con grande efficacia, quindi è qualcosa che vorremmo vedere da Namecheap in futuro.

namecheap-review-velocità-test

Puoi aspettarti che la velocità diminuisca una volta che anche il tuo sito Web è pieno di contenuti. I primi due livelli di hosting condiviso non includono eAccelerator o xCache, che sono inclusi nel livello superiore. Il primo memorizza nella cache gli script PHP in uno stato compilato, il che significa che possono essere eseguiti molto più velocemente, mentre il secondo fa la stessa cosa ma li memorizza nella RAM del server.

Detto questo, il nostro test Load Impact ha avuto risultati eccellenti. Load Impact, per i nostri scopi, è uno strumento di stress test, sebbene possa fare molto di più. Abbiamo inviato 50 utenti virtuali al sito Web in cinque minuti, con Load Impact che misura il tempo di risposta per ciascun utente e il numero di richieste soddisfatte.

Namecheap aveva una linea quasi retta in termini di tempi di risposta e soddisfaceva ogni richiesta. Prevediamo che il pacchetto condiviso più economico con ogni host divida circa 50 utenti, quindi è per questo che testiamo questo limite. Namecheap, tuttavia, non rientra in quella categoria. È stato in grado di tenere il passo con le richieste e mantenere un tempo di risposta basso.

namecheap-review-load-impatto

Ciò suggerisce che ci sono molte risorse informatiche da aggirare, quindi molti dei problemi dell’hosting condiviso non dovrebbero emergere. Anche se non possiamo garantire che sarà sempre così, è stato durante i nostri test.

Namecheap, tuttavia, non si occupa solo di fornire hosting veloce. Fornisce inoltre hosting affidabile. Il backup del tuo account è una garanzia di disponibilità del 99,9 percento o del 100 percento, a seconda del tipo di hosting utilizzato. I piani per rivenditori e VPS hanno il limite del 99,9 percento, il che significa che i primi 45 minuti di downtime in un mese non sono ammissibili.

Oltre a ciò, Namecheap offre un servizio di un giorno per ogni ora non programmata in cui i server sono inattivi. Come con la maggior parte degli host web, devi ricevere assistenza entro 10 giorni dall’inattività per ricevere credito.

Sicurezza

Namecheap ha le tre caratteristiche di sicurezza che cerchiamo: certificati SSL / TLS, scansione malware e backup automatici. L’ultimo articolo non è disponibile su tutti i piani, il che, sebbene deludente, ha senso dato quanto Namecheap può essere economico. Detto questo, siamo felici di vedere i certificati SSL / TLS e la scansione del malware tra i piani.

Un certificato SSL / TLS è essenziale per la sicurezza del sito Web. Indica al browser che visita il tuo sito Web che ti puoi fidare delle informazioni personali, che apre una connessione crittografata tra il tuo sito Web e il visitatore (leggi la nostra descrizione della crittografia per le specifiche del processo).

Namecheap include 50 certificati Comodo PositiveSSL con ogni pacchetto di hosting. Il certificato entry-level è adatto per la maggior parte dei siti Web che non richiedono molte informazioni personali dagli utenti. Se, ad esempio, stai gestendo un forum o accetti pagamenti sul tuo sito web, dovrai ottenere un certificato più pesante.

La scansione malware è inclusa in cPanel sotto il nome di “scanner antivirus”. Puoi scansionare il tuo sito Web alla ricerca di malware e altre assurdità legate al crimine informatico una volta al giorno e non di più. Detto questo, è importante notare che sebbene lo strumento analizzi il tuo sito Web, non lo pulisce. Se identifichi un problema, dovrai trovare un altro modo per rimuoverlo.

namecheap-review-antivirus

I certificati SSL / TLS e la scansione del malware sono inclusi in tutti i piani, ma i backup automatici no. Il piano condiviso più economico non li include, sebbene, per fortuna, ogni altro piano lo faccia. Puoi accedere ai tuoi backup tramite cPanel, programmandoli quotidianamente, settimanalmente o mensilmente, scaricandoli localmente o copiando i link da condividere.

Dietro le quinte c’è anche ModSecurity. È un firewall per applicazioni web open source per server Apache, il che significa che può proteggerti dal traffico cattivo che arriva al server. Poiché è open source, ci sono molte regole e configurazioni che possono essere impostate per garantire che il tuo sito Web sia il più sicuro possibile.

Anche se vorremmo vedere i backup su tutti i piani, la suite di sicurezza è impressionante. Ne vale la pena il passaggio al secondo livello dell’hosting condiviso, con i backup al primo posto. È difficile lamentarsi quando Namecheap offre così tanto in termini di sicurezza a un prezzo così basso.

vita privata

La privacy è una di quelle cose di cui è facile parlare ma difficile da seguire. Namecheap mette i suoi soldi dove è la sua bocca, tuttavia, e fornisce alcune delle migliori misure sulla privacy che abbiamo visto da un host web. È molto diverso dal data mining che abbiamo visto dai marchi del gruppo Endurance International (leggi la nostra recensione su FatCow per un esempio).

Namecheap offre la privacy del dominio gratuito con ogni dominio che detiene. La privacy del dominio sostituisce le informazioni che registri con il tuo dominio con informazioni fittizie, mascherando efficacemente la tua identità. Poiché i record WHOIS possono essere cercati online, chiunque può trovare le tue informazioni personali se non hai la privacy del dominio.

Abbiamo visto che alcuni host offrono privacy del dominio gratuita (leggi la nostra recensione su WestHost per un esempio), ma di solito solo sui domini registrati con il provider. Namecheap è insolito in quanto fornisce anche la privacy del dominio gratuitamente sui trasferimenti di dominio, il che significa che se il tuo dominio è registrato, diciamo, GoDaddy, puoi trasferirlo su Namecheap e proteggere i tuoi dati personali.

Anche l’informativa sulla privacy è valida, ma Namecheap si riserva il diritto di condividere informazioni non identificabili personalmente con pubblicità e partner commerciali. Tuttavia, nessuna informazione personale è condivisa e dato che Namecheap supporta Fight for the Future e Electronic Frontier Foundation, ci sentiamo a nostro agio a consegnare alcuni dati.

Supporto

Namecheap ha un centro di supporto dove puoi trovare tutte le sue risorse di supporto. Sebbene ci siano i soliti sospetti – Namecheap include collegamenti per supporto basato su ticket, chat live, feedback, aggiornamenti di stato e altro – ci sono anche alcune risorse di supporto non comuni.

Ciò include i documenti API Namecheap, che ti consentono di eseguire ricerche di dominio, registrazione e più automaticamente da un’applicazione che hai creato. Sebbene sia possibile utilizzare l’API per vendere domini, certificati SSL / TLS e altro, può anche essere utilizzata per il monitoraggio e la gestione del dominio.

namecheap-review-api

Se hai bisogno di aiuto, Namecheap può soddisfare anche quello. La chat dal vivo e il supporto via e-mail sono disponibili tutto il giorno e abbiamo usato entrambi durante la recensione. La chat dal vivo è buona quasi quanto quella di SiteGround, che sta dicendo qualcosa (leggi la nostra recensione di SiteGround). Le risposte sono state rapide e dirette, mostrando una chiara conoscenza degli aspetti tecnici del servizio.  

Per auto-aiuto, c’è una base di conoscenza che è separata nelle categorie di prodotti Namecheap. Le sezioni complesse, come “hosting”, sono ulteriormente suddivise, rendendo semplice la ricerca dell’articolo di cui hai bisogno.

namecheap-review-knowledge

Ci sono anche molti articoli. Namecheap ha tutorial, chiarimenti e guide per la risoluzione dei problemi in tutta la knowledge base, ognuno dei quali include un’eccellente quantità di dettagli. Sebbene la nostra esperienza con il supporto umano sia stata grandiosa, non dovresti avere bisogno di approfondire, vista la profondità della base di conoscenza.

Il verdetto

Namecheap dice tutto ciò che devi sapere nel nome. È un host web economico con una serie di funzionalità, anche se presenta anche alcuni problemi. Ci piacciono la velocità, le funzionalità di sicurezza, la privacy e il prezzo del dominio, ma la mancanza della registrazione gratuita del dominio .com e del cruscotto pannello sono fastidiosi.

Cosa ne pensi di Namecheap? Hai intenzione di provarlo? Facci sapere nei commenti qui sotto e, come sempre, grazie per la lettura.

Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map