Dropbox o WeTransfer: qual è il servizio migliore per condividere i tuoi file?

Un vantaggio chiave dell’archiviazione cloud è che la condivisione dei file è molto più semplice rispetto a 10 o 20 anni fa. Il nostro ex noioso pietoso ha dovuto fare i conti con enormi allegati di posta elettronica che hanno portato a caselle di posta in eccesso e non rispondenti. Abbiamo dovuto passare altri dispositivi USB o gadget simili contenenti il ​​contenuto che volevamo condividere. I tempi sono stati duri.


Ora abbiamo il vantaggio del cloud, un supporto di archiviazione remoto perfetto per la consegna di contenuti senza intoppi. Esistono alcuni servizi cloud che possono essere utilizzati per condividere file, inclusi servizi di consegna autonomi, come WeTransfer e servizi di archiviazione cloud più robusti, come quelli recensiti nella nostra libreria di recensioni di archiviazione cloud.

Tra questi ultimi c’è Dropbox, che, pur non essendo in cima alla nostra migliore lista di cloud storage, è una scelta popolare per la gestione dei file, in particolare per la collaborazione.

In questo articolo, prenderemo in considerazione Dropbox e WeTransfer fianco a fianco per determinare quale fornitore è il migliore per la condivisione di file. Poiché WeTransfer è più una soluzione aziendale che una soluzione consumer, focalizzeremo la nostra discussione su quale rende la condivisione dei file più semplice nelle impostazioni dell’ufficio.

Dropbox contro WeTransfer

Tra i provider di cloud storage, Dropbox, Google Drive e OneDrive sono i tre nomi più importanti. Sebbene ciascuno abbia dei meriti, Dropbox è il più conveniente per la condivisione di file, grazie alle funzionalità che includono password con link condivisi e la possibilità di inviare richieste di file. Per le alternative di Dropbox, dai una lettura al nostro miglior archivio cloud per la guida alla condivisione dei file.

WeTransfer è un servizio cloud specializzato nel trasferimento di file di grandi dimensioni. La sua architettura è dedicata a tale scopo, sebbene abbia delle belle caratteristiche di personalizzazione per il branding aziendale e pochi altri vantaggi.

Oltre alla condivisione di file, Dropbox ha molte funzionalità che non otterrai con un fornitore di nicchia come WeTransfer, tra cui la sincronizzazione dei file e app integrate come Dropbox Paper e Microsoft Office Online (dai un’occhiata alle nostre migliori app per prendere appunti per altri esempi).

Non prenderemo in considerazione le funzionalità di archiviazione e produttività di Dropbox in questa recensione diretta. Il nostro focus è sulla condivisione di file e quale dei due servizi funziona meglio. Per eseguire questa valutazione, abbiamo suddiviso il nostro articolo in tre fasi: condivisione, sicurezza e costi.

Primo round: funzionalità di condivisione del cloud

Dropbox è un servizio di archiviazione cloud noto per la sincronizzazione dei file veloce e affidabile, non per la condivisione. Puoi leggere il nostro miglior cloud storage per la revisione della sincronizzazione per scoprire cosa distingue Dropbox in quell’area e quali servizi si avvicinano.

Per la condivisione di file, Dropbox non è ben sviluppato come Sync.com o pCloud, ma è più avanzato del tuo provider di archiviazione cloud medio.

Dropbox ti consente di condividere singoli file e invitare altri ad accedere alle cartelle. Non otterrai la condivisione delle cartelle con WeTransfer. Pertanto, Dropbox ha più senso per la produttività e la collaborazione, anche senza tenere conto della sincronizzazione dei file e di Office Online.

Per condividere una cartella o un file, accedi a Dropbox online e fai clic sul pulsante “condividi” associato a entrambi gli oggetti. Puoi inserire gli indirizzi email per le persone a cui vuoi dare accesso o generare un link che chiunque può usare.

Dropbox-Share-Button

Quando si condividono le cartelle, è possibile fornire autorizzazioni di sola visualizzazione o modifica. La sola visualizzazione consente agli altri di visualizzare, scaricare e commentare i contenuti, mentre la modifica aggiunge funzionalità di modifica e cancellazione dei file.

Dropbox-Share-cartelle

Quelli con permessi di modifica possono avere la possibilità di invitare anche altri ad accedere alle cartelle.

Dropbox-Folder-Settings

La condivisione dei file Dropbox è meccanicamente identica alla condivisione delle cartelle, tranne per il fatto che non esiste alcuna opzione di “modifica”. L’unica impostazione delle autorizzazioni è solo visualizzazione. Ciò significa che le persone con cui condividi contenuti possono commentare i tuoi file, ma non modificarli.

WeTransfer non riconosce le cartelle, quindi, per condividere il contenuto di una, dovrai inviare più file o comprimere la cartella prima di inviarla. Le cartelle zippate sono trattate come file, quindi puoi inviarle tutte in una volta.

Zip-Windows-Folder

L’incapacità di condividere le cartelle è un colpo contro WeTransfer ma, quando si tratta di condivisione di file, il servizio è più che una corrispondenza per Dropbox.

WeTransfer File Sharing

Chiunque può condividere file dal sito Web WeTransfer senza un account. Fai clic sul segno più blu per aggiungere file dal tuo file system, aggiungere fino a 20 indirizzi di destinatari e-mail e inserire la tua e-mail.

WeTransfer-Share-File

Con WeTransfer puoi inviare contemporaneamente fino a 2 GB di file. I file più grandi richiedono un abbonamento. Con WeTransfer Plus, puoi inviare fino a 20 GB alla volta. Gli abbonati ottengono anche 100 GB di spazio di archiviazione per conservare i file utilizzati di frequente. Il servizio non elimina i file dopo un determinato periodo di tempo e ti consente di controllare gli invii precedenti e di inviarli nuovamente o inoltrarli.

Fai clic sul menu a tre punti nella parte inferiore dello strumento di invio WeTransfer per modificare altre impostazioni. Questi includono il passaggio da “email” a “link”. I collegamenti possono essere pubblicati su canali Slack, social media o piattaforme simili per condividere contenuti con un pubblico più ampio.

Nessuna di queste funzioni distanzia WeTransfer da Dropbox. Ciò che fa la differenza, almeno per gli utenti aziendali, è la possibilità di personalizzare i trasferimenti di file. Le opzioni includono un URL personalizzato, immagini di sfondo per e-mail e altri modi per personalizzare l’aspetto delle e-mail.

WeTransfer ti consente di creare un look adatto alla tua attività, incluso l’incorporazione del nome della tua azienda nel tuo URL e l’aggiunta del tuo logo. Per coloro che desiderano mettere insieme una campagna di email marketing o attività simili, tali dettagli possono fare la differenza per il suo successo.

Round One Thoughts:

Sia Dropbox che WeTransfer hanno vantaggi l’uno sull’altro per la condivisione di file. Per Dropbox, il vantaggio principale è che puoi condividere cartelle senza comprimerle in file .zip. Per WeTransfer, è personalizzazione.

Quale servizio ha il vantaggio maggiore è una questione di esigenze personali. Ci schieriamo con WeTransfer, ma solo perché è facile condividere cartelle con molti servizi di cloud storage, molti dei quali sono gratuiti o molto più economici di Dropbox. La personalizzazione dell’email per l’invio di file non è comune al confronto.

  • Vincitore Round One: WeTransfer

Secondo round: sicurezza della condivisione dei file

Affronteremo la sicurezza dei file nel secondo round, esaminando sia la protezione in transito sia la crittografia per i contenuti archiviati nel cloud. Esamineremo anche la sicurezza dei collegamenti, ma prima, parliamo della geografia.

WeTransfer ha un vantaggio rispetto a Dropbox in quanto ha sede nell’Unione Europea. L’UE ha leggi sulla privacy più rigorose rispetto agli Stati Uniti, come dimostrato dal recente passaggio del Regolamento generale sulla protezione dei dati. WeTransfer ha sede ad Amsterdam e aderisce alla legge olandese sulla protezione dei dati personali, che include i mandati per la protezione dei dati contro la perdita o il furto.

Dropbox ha sede a San Francisco, con data center negli Stati Uniti. Il paese è stato impantanato in controversie sulla privacy dei dati negli ultimi anni, in particolare il progetto PRISM della National Security Agency. Mentre Dropbox non è stato implicato come coinvolto in PRISM, era sul docket da aggiungere prima che Edward Snowden emettesse un fischio sul programma.

Dropbox ha registrato un’importante violazione dei dati, che ha comportato il furto di 68 milioni di password utente nel 2012. La società ha preso provvedimenti da allora per garantire che l’incidente non si ripeta, ma il fatto che i dettagli del furto non sono stati rivelati per diversi anni dovrebbe dare una pausa.

Inoltre, Condoleezza Rice è anche nel consiglio di amministrazione di Dropbox. Sebbene non vi sia nulla che suggerisca che abbia causato problemi alla privacy degli utenti, è stata sostenitrice di intercettazioni telefoniche senza giustificazione durante l’amministrazione Bush ed è stata legata allo scandalo intercettativo del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Ciò è preoccupante in un settore in cui la privacy è fondamentale.

Non ci vuole un cappello di stagnola per decidere che WeTransfer è la scommessa migliore per proteggere la privacy dei consumatori, almeno, in superficie. Detto questo, entrambi i servizi adottano misure per impedire alle parti esterne di accedere ai dati dell’utente.

Dropbox e WeTransfer Encryption

Dropbox e WeTransfer proteggono i file in transito utilizzando la sicurezza del livello di trasporto. TLS è un protocollo che garantisce l’integrità dei dati tra due applicazioni comunicanti. Consente la crittografia della connessione tra le applicazioni, quindi nessuna terza parte è in grado di intercettare e manomettere i dati.

In questi giorni, qualsiasi servizio Web di nota utilizza TLS per proteggere le comunicazioni in transito.

Entrambi i provider crittografano i file archiviati sui loro server. Dropbox utilizza la crittografia AES a 128 bit per codificare i file, mentre WeTransfer utilizza la crittografia AES a 256 bit. Entrambi i protocolli sono a prova di proiettile, praticamente parlando. Ci vorrebbero miliardi di anni per forzare la rottura di una chiave di crittografia AES.

Le chiavi di crittografia possono essere impossibili da decifrare, ma non lo sono le password deboli. Dropbox contrasta quello con l’autenticazione a due fattori. Con 2FA abilitato, dovrai inserire una credenziale aggiuntiva quando esegui l’accesso da un computer sconosciuto. La credenziale è un codice di sicurezza che puoi ricevere sul tuo smartphone.

WeTransfer non offre l’autenticazione a due fattori. Ciò significa che se la tua password viene violata o rubata, i file memorizzati nel tuo account WeTransfer Plus potrebbero essere a rischio. Se decidi di andare con il servizio, assicurati di creare una password complessa o, ancora meglio, utilizzare un gestore di password cloud come Dashlane.

Entrambi i servizi mantengono anche centri dati sicuri. Dropbox ha le proprie strutture server e WeTransfer utilizza le strutture gestite da Amazon Web Services.

Dropbox e WeTransfer File Link Security

I collegamenti rappresentano un pericolo per il controllo dei contenuti. A differenza di come invitare le persone ad accedere ai contenuti utilizzando il loro indirizzo e-mail, chiunque può riuscire a ottenerlo può utilizzare un collegamento. Almeno, questo è il caso senza alcune funzionalità di protezione dei collegamenti.

La più ovvia di tali funzionalità sono le password e le date di scadenza. La maggior parte dei provider di archiviazione cloud non riesce a includere neanche. Dropbox no, ma hanno un costo. Devi iscriverti a Dropbox Professional o Dropbox Business (leggi la nostra recensione su Dropbox Business).

Dropbox-Link-Permessi

Dropbox include due funzionalità di controllo del contenuto aggiuntive per i collegamenti nella possibilità di disabilitare download e commenti. Quelle sono belle inclusioni.

WeTransfer ti consente di limitare i collegamenti con password e date di scadenza automatiche, ma queste funzionalità non sono gratuite. Copriamo il costo di WeTransfer Plus e Dropbox Professional nel nostro round finale.

WeTransfer-Link-password

Un’altra funzione di controllo dei contenuti di WeTransfer, e Dropbox no, sono le notifiche che confermano caricamenti di file, download, email rimbalzate e una nel caso in cui nessuno dei tuoi destinatari scarichi il trasferimento entro cinque giorni.

I clienti di WeTransfer Plus possono verificare quante volte sono stati scaricati i file collegati a e-mail e trasferimenti di link. I trasferimenti via e-mail mostrano chi ha scaricato il file, mentre i trasferimenti tramite link no.

Entrambi i servizi potrebbero utilizzare una funzionalità per rafforzare la sicurezza, tuttavia: limiti di download per i collegamenti. Se quell’idea fa galleggiare la tua barca, due dei provider di archiviazione cloud più sicuri – Sync.com e pCloud – forniscono questa funzionalità.

Round Two Thoughts:

Entrambi i servizi adottano misure ragionevoli per garantire la sicurezza dei file. Tuttavia, abbiamo bisogno di un vincitore, quindi stiamo scegliendo WeTransfer per il secondo round, nonostante non sia in grado di offrire l’autenticazione a due fattori. La nostra decisione si basa sulla sua posizione nell’UE e sulle opzioni per il monitoraggio dei download di file.

Dropbox, con la sua lunga storia di polemiche e quasi polemiche, sembra pronto per lo scandalo. Se usi Dropbox, ti consigliamo di associarlo a un servizio di crittografia privato come Boxcryptor. Leggi la nostra recensione di Boxcryptor per ulteriori informazioni.

  • Vincitore del secondo round: WeTransfer

Terzo round: costo

La linea di fondo non è tutto, ma è una considerazione chiave. Casualmente, Dropbox è una delle peggiori offerte nel cloud storage.

Per cominciare, ottieni solo 2 GB di spazio di archiviazione gratuito. Questo è di gran lunga inferiore ai provider menzionati nel nostro miglior roundup di cloud storage gratuito. Un account Dropbox Plus costa $ 9,99 al mese per 1 TB di spazio di archiviazione. Sebbene non sia terribile, puoi ottenere 2 TB di spazio di archiviazione da pCloud per soli $ 8 al mese. La matematica non favorisce Dropbox.

La voce più sconcertante nella gamma di abbonamenti di Dropbox è Dropbox Professional. Questo piano raddoppia il costo di Dropbox Plus a $ 20 al mese senza darti più spazio per i file. Invece, ottieni alcune funzionalità extra, come il versioning di 120 giorni e le funzionalità di condivisione dei link che abbiamo menzionato in precedenza (ad esempio password e date di scadenza).

I piani aziendali di Dropbox hanno un prezzo diverso, anche se non per questo meno attraente. C’è un piano da $ 15 da 2 TB e un piano illimitato da $ 25.

È più difficile valutare WeTransfer rispetto a servizi simili perché non ce ne sono molti. Per esigenze di invio di file semplici, esiste un piano WeTransfer gratuito limitato che può contenere fino a 2 GB di file contemporaneamente.

In caso contrario, dovrai eseguire l’upgrade a WeTransfer Plus. Ti permetterà di inviare 10 volte i gigabyte in una volta e ha vantaggi come l’archiviazione cloud e le opzioni di branding.

DettagliTransfer: WeTransfer Plus:
Costo mensile:Gratuito$ 12 al mese
Costo annuale:Gratuito$ 120
Capacità di invio:2GB20GB
Conservazione:Nessuna100GB

A $ 12 al mese, non è economico come ci aspetteremmo per un servizio di nicchia che offre solo 100 GB di spazio di archiviazione e non fornisce sincronizzazione o modifica dei file. Le opzioni di branding e la facilità d’uso complessiva ne valgono la pena per le aziende.

Round Three Thoughts:

Nessuno dei due servizi è un buon affare. Per valore, Dropbox offre di più poiché ottieni 1 TB di spazio di archiviazione cloud e sincronizzazione dei file, mentre WeTransfer è utile solo per l’invio di file.

Se tutto ciò che ti interessa è l’invio di file, tuttavia, WeTransfer è l’offerta migliore poiché un abbonamento di $ 12 al mese ti consente di ottenere password di collegamento file e date di scadenza. Dropbox fornisce solo a coloro che hanno un abbonamento di $ 20 al mese. I tuoi $ 12 ti offrono anche belle funzionalità di controllo del download.

Stiamo dando il round finale a Dropbox, ma con grossi avvertimenti. Se stai considerando Dropbox Professional per $ 20 al mese a causa dell’archiviazione, ma come WeTransfer per la condivisione di file, ti suggeriamo un percorso alternativo.

Abbinando un abbonamento WeTransfer da $ 12 al mese con un abbonamento pCloud da $ 8 al mese, otterrai tutti i vantaggi di condivisione di WeTransfer e 2 TB di spazio di archiviazione da pCloud. Ciò equivale a $ 20 al mese, lo stesso costo di Dropbox Professional, ma con molti altri vantaggi.

  • Vincitore del terzo round: Dropbox

Pensieri finali

Dropbox e WeTransfer sono animali diversi. In molti modi, confrontarli è una commissione da pazzi. Dropbox è un servizio cloud più complicato, fornito con funzionalità di sincronizzazione, archiviazione e produttività che non otterrai con WeTransfer.

Detto questo, WeTransfer ha una reputazione tra i proprietari di imprese non aziendali. Ciò è particolarmente vero per gli imprenditori che non hanno bisogno di qualcosa di più complesso di esso. È un servizio per le aziende che desiderano creare e-mail interessanti per campagne limitate o fornire prodotti di lavoro ai clienti con aria di brio, senza preoccuparsi di superare una ripida curva di apprendimento.

In questo modo, è un servizio utile e, nell’ambito di ciò che fa, lo prenderemmo su Dropbox ogni giorno. Questa è la nostra opinione, comunque. Sentiti libero di condividere i tuoi pensieri qui sotto. Grazie per aver letto.

Kim Martin
Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me