Come risolvere un disco rigido esterno non visualizzato nel 2020

Non importa quanto ampiamente testiamo i nostri migliori dischi rigidi esterni per errori, alcune unità avranno problemi. È la natura della bestia, sfortunatamente, e sebbene possa essere deludente non vedere nulla dopo aver decompresso il tuo nuovo disco rigido esterno lucido, la soluzione è probabilmente a pochi clic di distanza. 


In questa guida su come risolvere un disco rigido esterno che non viene visualizzato, esamineremo i principali passaggi per la risoluzione dei problemi da eseguire prima di restituire il disco. I passaggi sono per lo più gli stessi per Windows e macOS, ma abbiamo coperto entrambi in modo da non perderti. 

Prima di arrivare a questo, però, vogliamo discutere i motivi per cui il tuo disco rigido potrebbe non essere visualizzato.

Perché il disco rigido esterno non viene visualizzato

Se il tuo disco rigido esterno non viene visualizzato, molte cose potrebbero causare il problema, inclusi problemi con il computer, un disco rigido che è morto all’arrivo, un cavo di errore e altro ancora. Detto questo, di solito ci sono ragioni nel tuo sistema operativo che possono causare la mancata visualizzazione di un disco rigido. 

I dischi rigidi si associano ai computer utilizzando i cosiddetti file system, di cui puoi scoprire come formattare una guida del disco rigido esterna. A volte, questi sistemi, o persino la struttura dei file, vanno in disordine, facendo sì che il sistema operativo non riconosca l’unità, il che può essere ulteriormente complicato con i driver. 

Detto questo, il problema più probabile è che il tuo disco rigido non è pronto per essere utilizzato con il tuo sistema operativo. Può diventare disordinato, ma in alcuni casi, dovrai scavare nelle viscere del tuo sistema operativo e configurare il tuo disco rigido esterno. In effetti, dovevamo farlo quando abbiamo testato il Western Digital My Book su macOS (leggi la nostra recensione del Western Digital My Book).

Come risolvere un disco rigido esterno non visualizzato su Windows

Windows include diversi strumenti per la diagnosi di un disco rigido, ma, sfortunatamente, li rende di difficile accesso. Eseguiremo i passaggi che dovresti seguire se il tuo disco rigido non viene visualizzato su Windows. 

Controllare l’alimentazione, il cavo e la porta

Prima di accedere a Windows, è necessario controllare l’alimentazione, il cavo e la porta. Accendi il computer e collega il disco rigido esterno. La maggior parte dei dischi rigidi, come Seagate Backup Plus Portable, include un LED di attività che indica se l’unità è in funzione (leggi la nostra recensione di Seagate Backup Plus Portable).

Se il tuo disco rigido esterno non ha un LED di attività, puoi sentire l’unità per le vibrazioni. Sebbene funzioni con un disco rotante, come Toshiba Canvio Basics, non funzionerà con un SSD, come SanDisk Extreme Portable (leggi la nostra recensione Toshiba Canvio Basics e SanDisk Extreme Portable). 

Ora che sai che l’unità è alimentata, puoi passare al cavo e alla porta. È possibile che il cavo USB che stai utilizzando sia rotto, quindi scambia un nuovo cavo e riprova. Lo stesso vale per la porta USB che stai utilizzando. Spostare la connessione su porte o computer diversi per la risoluzione dei problemi. 

Fare queste cose risolverà la maggior parte dei problemi. Se i problemi persistono, qualcosa è andato storto nel tuo sistema operativo. 

Esegui Gestione disco

È tempo di passare alla gestione del disco. Dopo aver verificato la porta, il cavo e il disco rigido vanno bene, collegare il disco rigido esterno al computer e accendere la macchina. Una volta in Windows, ci sono alcuni modi per accedere alla gestione del disco, ma il più semplice è premere il tasto Windows + X e selezionare “Gestione disco” dall’elenco.

macos-disk-utility

Lì, puoi vedere i dischi rigidi collegati al tuo computer, le loro capacità, spazio libero, file system e stati di integrità. Anche se il tuo disco rigido non viene visualizzato in “mio PC”, dovrebbe essere visualizzato in “Gestione disco”. Come accennato, molti problemi con i dischi rigidi non visualizzati si riducono allo spazio non allocato, il che significa che il disco rigido non è pronto per essere utilizzato con il sistema operativo. 

Se non vedi il tuo disco rigido lì, c’è qualcosa che non va nel tuo cavo, porta o alimentazione, quindi dovresti provare a sfruttare la garanzia e sostituire il tuo disco rigido. Se vedi il tuo disco rigido, ma non è allocato, dovrai creare alcune partizioni o, in alcuni casi, formattare il disco.

Crea una partizione o formatta l’unità

Lo spazio sul disco rigido non allocato indica che lo spazio di archiviazione sul disco rigido non è formattato con un file system che può essere letto dal sistema operativo. Windows riconoscerà che l’unità è presente, ma non verrà mostrata nel “mio PC” o ti consentirà di leggere o scrivere dati. 

Per risolvere questo problema, dovrai creare una partizione in “Gestione disco”. Nella finestra nella parte inferiore del pannello “Gestione disco”, trova il tuo disco rigido. Una parte della memoria deve essere visualizzata con una barra nera in alto, a indicare che si tratta di spazio non allocato. Fai clic con il tasto destro e seleziona “nuovo volume semplice”. 

Verrà avviata la procedura guidata per la partizione e, per la maggior parte, tutto ciò che devi fare è seguire i passaggi. Vale la pena notare che l’aggiunta di una nuova partizione formatterà l’unità, rimuovendo tutti i dati su di essa. Se il tuo disco rigido mostra spazio non allocato, tuttavia, è probabile che all’inizio non ci fossero dati. 

Nel caso improbabile che tu sia andato alla “gestione del disco” e abbia scoperto che il tuo disco rigido esterno non ha spazio non allocato, un formato può essere d’aiuto. È possibile che si siano verificati errori durante la formattazione dell’unità in fabbrica, rendendo inaccessibile il disco rigido esterno. Trova il tuo disco rigido nella gestione del disco, fai clic sulla parte con una barra blu in alto e fai clic su “formato”. 

Se sei curioso di sapere il processo di formattazione, leggi la nostra guida collegata sopra. 

Aggiorna i driver

Se hai attraversato tutto il resto e il tuo disco rigido non viene ancora visualizzato, potrebbe essere solo un problema di driver. Puoi trovare le informazioni sul driver premendo il tasto Windows + S e digitando “Gestione dispositivi”. Il risultato migliore dovrebbe aprire la finestra “Gestione dispositivi”. 

windows-dispositivo Manager

Qui, vai su “unità disco” ed espandi il menu a discesa. Trova l’unità che non viene visualizzata e fai doppio clic su di essa. Apparirà una finestra separata con più schede. Passare alla scheda “driver” per visualizzare le informazioni sul driver. 

Le informazioni del tuo conducente appariranno probabilmente obsolete, ma non è questo il problema. Windows viene fornito con i driver necessari per rilevare i dischi rigidi esterni, che raramente devono essere aggiornati. Detto questo, potrebbe essere necessario aggiornare il tuo. Fare clic sul pulsante “Aggiorna driver” per iniziare. 

Ti verranno presentate due opzioni: cerca il driver online o cerca il tuo computer. Puoi cercare se vuoi, ma è improbabile che tu trovi qualcosa. È un’idea migliore trovare il tuo prodotto sul sito Web del produttore e vedere se sono stati rilasciati nuovi driver.

Come ottenere un HD esterno da mostrare su Windows

  1. Controllare l’alimentazione, il cavo e la porta
  2. Esegui la gestione del disco
  3. Formatta l’unità o crea una partizione
  4. Aggiorna i driver

Come risolvere un disco rigido esterno non visualizzato su macOS

Come di solito, macOS scambia energia per usabilità. Non hai quasi tutti gli strumenti per diagnosticare il tuo disco, ma sono molto più facili da accedere. Segui i passaggi seguenti per trovare il tuo disco rigido esterno su macOS. 

Controllare l’alimentazione, il cavo e la porta

Come per Windows, è necessario iniziare la risoluzione dei problemi prima che anche il Mac si avvii. Controlla l’alimentazione dell’unità cercando l’indicatore dell’unità LED o sentendo il disco rigido dopo averlo collegato. Se stai utilizzando un’unità con una fonte di alimentazione esterna, come Western Digital My Book, prova diverse punti vendita. 

Quindi, passa al cavo e alla porta USB. Prova questi punti nella catena separatamente, però. Ad esempio, scambiare un cavo USB utilizzando la stessa porta, quindi provare entrambi i cavi con una porta diversa.

Anche se tutto ciò sembra un senso comune, la maggior parte dei problemi deriva da problemi con il cavo o la porta. È importante risolverli sistematicamente usando ogni combinazione possibile per restringere ciò che potrebbe rovinare la catena.

Usa l’utilità disco di Apple

Ora che sai che non è il cavo, l’unità o la porta, è tempo di vedere se l’unità è riconosciuta da macOS. È possibile che il tuo computer riconosca l’unità, nonostante non si presenti. Puoi scoprire se è questo il caso utilizzando l ‘”utilità disco” di Apple.

macos-disk-utility

Ci sono alcuni modi per accedervi, ma il modo migliore è cercarlo usando “spotlight”. Una volta che sei in “utility disco”, dovresti essere in grado di vedere i tuoi dischi rigidi, con le unità interne ed esterne separate. Fai clic sull’unità che non viene visualizzata e, in alto, seleziona “monta” affinché venga visualizzata in “finder”. 

Se riscontri problemi di montaggio o l’unità non viene visualizzata, è possibile che il file system in cui è formattata l’unità causi problemi per macOS. Alcuni dischi rigidi esterni vengono formattati in NTFS, che è il file system predefinito per Windows. Ciò può causare problemi agli utenti macOS.

Formatta l’unità

Se l’unità non viene ancora visualizzata, puoi formattarla in “utilità disco”. Seleziona l’unità e utilizza la scheda “formato” nella parte superiore per aprire l’utilità. Ancora una volta, se sei bloccato, puoi utilizzare la nostra guida collegata sopra per istruzioni estese.

macos-format-new-volumi

Esistono alcuni motivi per cui è necessario formattare l’unità. Come accennato, potrebbe essere formattato con un file system errato, il che significa che dovrai formattarlo in APFS per usarlo con macOS 10.13 o successivo. Esistono varianti del file system Apple predefinito, che puoi trovare qui. 

Detto questo, anche se l’unità è formattata con il file system corretto, è possibile che si siano verificati errori durante la formattazione in fabbrica. In tal caso, è una buona idea eseguire comunque un formato. Tieni presente che la formattazione cancellerà tutto sull’unità, quindi assicurati di essere protetto con il nostro miglior backup cloud per Mac.

Ripristina NVRAM

Infine, è possibile ripristinare la memoria non volatile ad accesso casuale o NVRAM. I Mac utilizzano una piccola quantità di memoria per memorizzare alcune impostazioni utente a cui è possibile accedere rapidamente, tra cui volume audio, fuso orario, risoluzione del display e, soprattutto, selezione del disco di avvio. Il ripristino della NVRAM comporta la cancellazione di queste impostazioni, in base all’impostazione predefinita per qualsiasi computer fornito. 

I tuoi file non saranno interessati, quindi non è necessario preoccuparti lì. Pensa di ripristinare la tua NVRAM come cancellare le impostazioni errate dal tuo sistema e farle ricostruire automaticamente per te. 

È semplice da fare. Spegni il Mac, quindi riaccendilo. Subito dopo averlo acceso, premere contemporaneamente Opzione, Comando, P e R per 20-30 secondi. Il tuo Mac sembrerà riavviarsi e una volta sentito il suono di avvio, puoi rilasciare i tasti. Con ciò, la tua NVRAM è stata ripristinata.

Come ottenere un HD esterno da mostrare su Mac

  1. Controllare l’alimentazione, il cavo e la porta
  2. Esegui l’utilità del disco
  3. Formatta l’unità
  4. Ripristina NVRAM

Pensieri finali

Questi sono i principali passaggi per la risoluzione dei problemi che dovresti seguire se il tuo disco rigido non viene visualizzato. Se dopo aver eseguito tutti i passaggi si verificano ancora problemi, il problema è molto più profondo nel sistema operativo o a livello di disco rigido. Se ti trovi in ​​quella posizione, potresti fare una nuova installazione del tuo sistema operativo o usufruire della garanzia del tuo disco rigido esterno.

Per fortuna, non dovresti riscontrare questo problema troppo spesso, specialmente se stai utilizzando un disco valutato molto bene nelle nostre recensioni su disco rigido esterno. 

Il tuo problema è stato risolto? Qual è stata la soluzione? Facci sapere nei commenti qui sotto e, come sempre, grazie per la lettura. 

Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map